megliotordichemais
lartespiegataaitruzzi:

Leonardo Da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519)
Ultima Cena
1494-98, Milano, Refettorio di Santa Maria delle Grazie
cm 460 x 880, tempera grassa su intonaco
-
Tanto pe comincià, ‘o sanno pure li truzzi che Leonardo era un genio, e ce teneva, giustamente, a fallo sapè, e a fà sempre bella figura.
Per cui quanno che je chiesero de dipigne st’Urtima Cena je cominicarono a fumà, perché primo – lui stava a fà n’antra cosa, ossia er monumento equestre de Francesco Sforza, e “quanno che sto già a fà na cosa nun me dovete da rompe ‘e scatole vabbè?” ; seconno – sto dipinto era drento ar refettorio de un convento che a parte li frati, tanto boni e cari, nun l’averebbe visto nisuno; e terzo – dipigne su li muri a Leonardo je stava popo sui zebbedei.
Però er duca Ludovico Sforza insistette, e aa fine pure Leonardo se sforzò e disse “E vabbè. Però ‘o faccio come dico io”.
E da bravo scienziato qual era se inventò na tecnica che ammischiava l’affresco co ‘a tempera e l’olio, così da potè dipigne co carma, e a strati, e sfumanno de qua e de là, come je piaceva de fà a lui.
Mo però, quanno che fai ‘n esperimento te po’ annà bene e te po’ annà male- qui a Leonardo j’è annata male; che pe problemi de umidità e robbe varie sto dipinto s’è cominciato a rovinà quasi subbito, che mo pure co tutto sto ber restauro che j’hanno fatto se vede e nun se vede, purtroppo.
Ma vedemo de vedè quello che se vede.
Se vede na stanza tutta precisa geometrica, come na scatola; ar centro Gesù, che è come un triangolo, geometrico puro lui. Er momento è drammatico : Gesù ha appena rivelato che uno dell’apostoli ‘o tradirà: e vedi che Leonardo ortre che artista e scienziato era pure pisicologo. Anfatti eccallà, stupore, sconcerto, orore, e “ma che davero?” “ma che io?”, e Pietro a Giovanni “Che ha detto? che ha detto? che stavo a tajà ‘a pizza e nun ho sentito”. E’ ce sta pure Giuda, che ‘o sa che sta a parlà de lui, e poo sturbo rovescia ‘a saliera, che anfatti porta male, se sa.
E’ come si er monno, cioè quaa stanza, è tutto governato da un disegno preciso che segue dee leggi necessarie; Gesù ‘o conosce bene sto disegno, ma l’apostoli no, e anfatti se moveno e reagischeno, vòi perché non sanno o vòi perché comunque l’omo cià l’emozzioni e pure er libero arbitrio. Pure Giuda aa fine è uno tra i dodici, che quasi potrebbe ancora cambià idea.
E pe finì, a quelli tipo Danne Braun che dicheno che seduto vicino a Gesù ce sta na donna cioè ‘a Maddalena, è vero che Gesù era n’innovatore e nun me sconvorge l’idea che ciavesse na fidanzata: però ribadimo che quello è Giovanni, che era un pischelletto e quinni bionno e giovane che pare quasi na femmina: e che invece purtroppo me sa che ‘e donne ar momento staveno in cucina a preparà er caffè e lavà li piatti.
E aa fine vedi che sto dipinto che Leonardo quasi noo voleva fa è una dee cose sue che se conoscheno de più e che ce danno da parlà ancora oggi e pii secoli dii secoli. E lui sò sicura sarebbe stato contento.

lartespiegataaitruzzi:

Leonardo Da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519)

Ultima Cena

1494-98, Milano, Refettorio di Santa Maria delle Grazie

cm 460 x 880, tempera grassa su intonaco

-

Tanto pe comincià, ‘o sanno pure li truzzi che Leonardo era un genio, e ce teneva, giustamente, a fallo sapè, e a fà sempre bella figura.

Per cui quanno che je chiesero de dipigne st’Urtima Cena je cominicarono a fumà, perché primo – lui stava a fà n’antra cosa, ossia er monumento equestre de Francesco Sforza, e “quanno che sto già a fà na cosa nun me dovete da rompe ‘e scatole vabbè?” ; seconno – sto dipinto era drento ar refettorio de un convento che a parte li frati, tanto boni e cari, nun l’averebbe visto nisuno; e terzo – dipigne su li muri a Leonardo je stava popo sui zebbedei.

Però er duca Ludovico Sforza insistette, e aa fine pure Leonardo se sforzò e disse “E vabbè. Però ‘o faccio come dico io”.

E da bravo scienziato qual era se inventò na tecnica che ammischiava l’affresco co ‘a tempera e l’olio, così da potè dipigne co carma, e a strati, e sfumanno de qua e de là, come je piaceva de fà a lui.

Mo però, quanno che fai ‘n esperimento te po’ annà bene e te po’ annà male- qui a Leonardo j’è annata male; che pe problemi de umidità e robbe varie sto dipinto s’è cominciato a rovinà quasi subbito, che mo pure co tutto sto ber restauro che j’hanno fatto se vede e nun se vede, purtroppo.

Ma vedemo de vedè quello che se vede.

Se vede na stanza tutta precisa geometrica, come na scatola; ar centro Gesù, che è come un triangolo, geometrico puro lui. Er momento è drammatico : Gesù ha appena rivelato che uno dell’apostoli ‘o tradirà: e vedi che Leonardo ortre che artista e scienziato era pure pisicologo. Anfatti eccallà, stupore, sconcerto, orore, e “ma che davero?” “ma che io?”, e Pietro a Giovanni “Che ha detto? che ha detto? che stavo a tajà ‘a pizza e nun ho sentito”. E’ ce sta pure Giuda, che ‘o sa che sta a parlà de lui, e poo sturbo rovescia ‘a saliera, che anfatti porta male, se sa.

E’ come si er monno, cioè quaa stanza, è tutto governato da un disegno preciso che segue dee leggi necessarie; Gesù ‘o conosce bene sto disegno, ma l’apostoli no, e anfatti se moveno e reagischeno, vòi perché non sanno o vòi perché comunque l’omo cià l’emozzioni e pure er libero arbitrio. Pure Giuda aa fine è uno tra i dodici, che quasi potrebbe ancora cambià idea.

E pe finì, a quelli tipo Danne Braun che dicheno che seduto vicino a Gesù ce sta na donna cioè ‘a Maddalena, è vero che Gesù era n’innovatore e nun me sconvorge l’idea che ciavesse na fidanzata: però ribadimo che quello è Giovanni, che era un pischelletto e quinni bionno e giovane che pare quasi na femmina: e che invece purtroppo me sa che ‘e donne ar momento staveno in cucina a preparà er caffè e lavà li piatti.

E aa fine vedi che sto dipinto che Leonardo quasi noo voleva fa è una dee cose sue che se conoscheno de più e che ce danno da parlà ancora oggi e pii secoli dii secoli. E lui sò sicura sarebbe stato contento.